Piromane arrestato, disastro ambientale: bosco devastato per 50 anni

I dettagli dell'arresto di Oscar Bellicini, il 23enne di Bienno accusato di aver scatenato il rogo del gennaio scorso, che ha bruciato più di 200 ettari di bosco sulle montagne della Valcamonica

Oscar Bellicini

Non piromane per caso, ma attuatore di un piano ben preciso e preparato: ne sono sicuri i carabinieri di Brescia, lo hanno ripetuto, scrive il Giornale di Brescia, in conferenza stampa martedì mattina a poche ore dalla notizia dell'arresto di Oscar Bellicini, il 23enne di Bienno accusato di aver provocato il rogo doloso che nei primi giorni di gennaio ha bruciato più di 200 ettari di bosco sulle montagne della Valcamonica, tra Breno, Prestine e Bienno.

Danni che non sono irreparabili, ma quasi: dovrà passare più o meno mezzo secolo prima che l'ecosistema torni al suo naturale equilibrio, e che il bosco ricresca forte e rigoglioso come era solo fino a pochi mesi fa. Un danno ambientale incredibile.

Il giovane Bellicini l'avrebbe fatto seguendo una strategia “misurata”, per incentivare la sua propria attività di bracconaggio (non si esclude comunque che il “giro” coinvolgesse anche altri complici): dar fuoco ai boschi per poter catturare più facilmente gli animali, e allo stesso tempo tenere lontani i cacciatori.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Serpente di un metro e mezzo in classe: panico tra i bimbi della scuola elementare

  • Parcheggia l'auto, poi cammina in mezzo all'autostrada: ucciso da un tir

  • Investita mentre attraversa la tangenziale di notte: morta ragazza di 22 anni

  • Ucciso dal cancro: fino all'ultimo Luca ha voluto gli amati cani al suo fianco

  • Donna trovata morta nel canale: potrebbe essere stata uccisa

  • Uccisa e fatta a pezzi dal marito: "Conosceva il suo tragico destino"

Torna su
BresciaToday è in caricamento