Bidello condannato per pedofilia, sacerdote chiede la grazia

Il sacerdote bresciano don Mario Neva si è rivolto al Presidente della Repubblica affinchè Battista Maggioni, il bidello che nei giorni scorsi è stato condannato per pedofilia, non vada in carcere

Nei giorni scorsi Battista Maggioni è stato condannato, in via definitiva, a 13 anni di carcere per pedofilia ai danni dei bambini di una scuola materna comunale di Brescia. La condanna è arrivata dopo 9 gradi giudizio e due assoluzioni in appello.

Don Mario Neva , sacerdote bresciano e docente di filosofia in missione, si è rivolto al Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, affinché Maggioni non vada in carcere.

Il religioso ha scritto al Presidente  Mattarella: “ A nome dei parenti e di tanti amici chiedo ufficialmente che sia concessa la grazia a Battista Maggioni. (…) Oltre l'assoluta innocenza, Battista Maggioni, due volte incarcerato ai domiciliari per circa 5 anni, ha offerto in questi 13 anni dal primo arresto, una testimonianza di vita integra.”

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La nuova star della dieta? Un nutrizionista bresciano: "Ecco il mio metodo"

  • Tutte le regioni zona gialla a dicembre, ma si va verso il divieto di spostamento

  • Tragedia in paese: giovane uomo si chiude in garage e si toglie la vita

  • Massimo Boldi: il negazionista Covid testimonial del nuovo spot di Regione Lombardia

  • Maestra positiva al Covid: "Dolori allucinanti, anche alla testa. Ho temuto d'essere morta"

  • Zona rossa: il ristorante rimane aperto a pranzo, ed è tutto a norma di legge

Torna su
BresciaToday è in caricamento