Pescava quintali di cocaina dall'oceano, poi li portava a Brescia per lo spaccio

E' stato condannato a 9 anni di reclusione il 61enne Biagio Mammoliti, considerato uno dei “boss” dello spaccio bresciano degli anni '90 e 2000

Foto d'archivio

Esponente di spicco dello spaccio nostrano di droga tra gli anni '90 e 2000, avrebbe portato in terra bresciana centinaia e centinaia di chili di cocaina, la celeberrima “madreperla”, riempiendo le piazze, le strade i locali di tutta la provincia. Un affare da centinaia di migliaia di euro, ma che gli costerà caro: è stato infatti condannato a 9 anni di reclusione il 61enne Biagio Mammoliti, di origini calabresi ma trapiantato a lungo a Brescia, per una lunga collaborazione (accertata) con un altro “boss” dello spaccio, Alessandro Serra.

Mammoliti attualmente si troverebbe in Germania, ma in stato di libertà: era già stato condannato a 8 anni di carcere in Portogallo, beccato all'epoca con quasi 40 chili di “coca”, ma poi liberato dopo aver espiato la sua pena. Su di lui probabilmente verrà diramato un mandato di cattura internazionale.

La droga ripescata dall'oceano Atlantico

Il suo metodo di lavoro era tra i più insoliti, spettacolari e pericolosi. In accordo con gli spacciatori di qualche cartello sudamericano, si faceva arrivare la droga via mare, a largo delle coste portoghesi. Qui i pusher d'oltreoceano facevano volontariamente affondare la nave, e toccava poi a Mammoliti – detto anche il “Tedesco” – recuperarla dai fondali.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La droga veniva poi trasferita in auto fino a Brescia, nell'abitazione di Serra, da dove poi veniva tagliata, smistata e infine rivenduta in tutto il territorio bresciano, e oltre. Su Mammoliti le indagini sono proseguite per anni, coordinate dalla Direzione distrettuale antimafia: la pubblica accusa, in sede di processo, aveva chiesto per lui almeno 15 anni di reclusione.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, primo focolaio bresciano: positivi 15 ragazzi, sono tutti in isolamento

  • Uccide una bimba travolgendola sulle strisce: padre di famiglia in manette

  • Tragico schianto sulla 45bis: auto schiacciata da un camion, morto il conducente

  • Tetti distrutti, auto schiacciate dagli alberi: i 20 minuti d'inferno della tempesta

  • Cadavere in montagna: risolto il 'mistero' dell'escursionista trovato morto

  • Padre di famiglia cerca una prostituta ma si trova a letto con un trans, rissa nel residence

Torna su
BresciaToday è in caricamento