Berzo: "Collina dei Veleni", la bomba chimica di Forno Allione

La "Collina dei Veleni" di Forno Allione, a Berzo Demo in Valcamonica: rifiuti tossici e non rimasti stoccati per anni, e che hanno ormai contaminato la zona. Mancano i fondi per bonifica e smaltimento

In principio fu l’Ucar Carbon. La multinazionale americana (ora Graftech) che per anni sovrastava la zona industriale di Forno Allione, a Berzo Demo in Valcamonica. Quella che oggi tutti chiamano la Collina dei Veleni. La Carbon produceva elettrodi di grafite per la siderurgia, lasciando non poche tracce di sé nei terreni circostanti. Qualche anno fa una prima bonifica, proprio a cura della Graftech, ma che pare abbia risolto ben poco.

Qualche anno più tardi è toccato alla Selca, ditta specializzata nel trattamento di scorie e rifiuti degli altiforni, di tutto il mondo. Un’azienda che ha sempre funzionato bene, almeno fino a quando non sono cominciati i controlli ambientali: da allora un crollo verticale, fino alla dichiarazione di fallimento del 2010.

Saluti e baci, direbbe qualcuno. Perché nell’archeologia di una fabbrica che non c’è più qualcosa è rimasto: decine di migliaia di tonnellate di rifiuti tossici e non, ancora ammucchiati nei magazzini esterni. Là rimangono, così come rimangono le accuse alla Selca, accusata di traffico internazionale di rifiuti speciali e pericolosi.

Sembra che solo nel 2009 ne arrivarono circa 23mila tonnellate, ‘impestate’ da fluoriri e cianuri. Il sindaco Giambattista Bernardi è stato eletto soltanto pochi mesi fa: come il suo predecessore, Corrado Scolari, si trova in una condizione di impotenza praticamente permanente. Tutta la zona, la Collina dei Veleni appunto, necessita di una bonifica ‘profonda’, e in tempi relativamente brevi.

Mancano i fondi, come sempre. Perché le ditte prima inquinano e poi scappano a gambe levate, come l’affaire Caffaro a Brescia, giusto per citarne uno. Dalla Regione arriveranno i primi contributi, circa 250mila euro. Ma con quelli, purtroppo, di rifiuti se ne smaltiscono assai pochi.

Potrebbe interessarti

  • Le 5 migliori piante antizanzare

  • Biscotto di anguilla, baguette di lumache: i migliori ristoranti bresciani per il Gambero Rosso

  • La dieta detox per tornare in forma e depurare l’organismo

  • Abbandono di rifiuti: 200.000 euro di multe in un anno, arrivano le fototrappole

I più letti della settimana

  • Scomparso nel lago da tre giorni, ritrovato sano e salvo

  • Frontale in galleria: morta la moglie di un noto industriale

  • Commerciante e padre di famiglia, muore il giorno del suo compleanno

  • Fa il bagno nel lago e non torna più a riva: ricerche in corso

  • Bimba di poco più di un mese si spegne in ospedale: "E' volata in cielo"

  • Stroncato dalla malattia, papà di due bambine muore a soli 34 anni

Torna su
BresciaToday è in caricamento