Accampamento rom in zona industriale: aziende esasperate

Si tratta a tutti gli effetti di un accampamento abusivo, ma è ormai passato un anno, e le famiglie rom non se ne vanno

Immagine di repertorio

Venti aziende assediate da una ventina di famiglie rom. La situazione, problematica da circa un anno, si sta facendo sempre più difficile, e gli imprenditori hanno deciso di unirsi per chiedere aiuto. Succede a Berlingo, nella zona industriale, dove negli ultimi giorni la convivenza tra alcune realtà produttive e un accampamento di nomadi sta creando malumori sempre più gravi.

Tutto è partito circa un anno fa, quando una trentina di famiglia posizionò roulotte e camper in via Industriale, a ridosso delle recinzioni delle fabbriche. Diversi sono stati gli episodi di frizione negli ultimi mesi, tanto che alcune famiglie hanno cambiato aria, e altre, con circa 20 mezzi, si sono spostate nella vicina via Campagna. Problemi finiti? Per nulla, come raccontato dal quotidiano Bresciaoggi che riporta la notizia.  

Alcuni giorni fa, ad esempio, un imprenditore non riusciva ad uscire dal proprio cancello a causa delle sedie e dei tavolini posizionati dai rom, da lì nacque un battibecco, e il giorno successivo sui muri del suo capannone è apparsa la scritta intimidatoria "Ti sparo, occhio". Oltre a questo, diverse sono state le auto dei dipendenti danneggiate, i bambini giocano nei piazzali dove i camion effettuano le loro manovre, la sporcizia è ormai imperante e numerose sono state le intromissioni dei nomadi nelle fabbriche. Gli imprenditori, chiedendo aiuto alle istituzioni, vorrebbero installare un impianto di videosorveglianza per coprire la zona e poterla controllare anche di notte.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ragazza grave in ospedale per un'infezione: un altro caso dopo Veronica?

  • Operai al cimitero: la bara scivola, si rompe e fuoriesce la salma

  • La testa schiacciata tra la gru e il tetto: così è morto Antonio, padre di tre figli

  • Il dramma di Veronica: uccisa a 19 anni da una meningite fulminante

  • Giovane padre ucciso dalla malattia: "Te ne sei andato troppo presto, proteggici da lassù"

  • Si sente male all'Università, poi la situazione precipita: ragazza muore di meningite

Torna su
BresciaToday è in caricamento