menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Un fiume di 5.000 persone per dire 'no' alla discarica della Macogna

Oltre 5000 persone ha sfilato domenica pomeriggio nella Bassa, da Berlingo alla Macogna, per dire no al progetto di una discarica un milione e mezzo di metri cubi. L'adesione di 36 sindaci e 60 associazioni

Probabilmente più di 5000 persone hanno sfilato domenica pomeriggio nella Bassa, da Berlingo fino all’aperta campagna, per protestare contro il progetto della nuova discarica in località Macogna. Cazzago San Martino, Rovato, Travagliato e appunto Berlingo: i quattro Comuni ‘interessati’ al terreno della nuova discarica, per cui il coro dei NO si è fatto davvero unanime.

Alla marcia ambientalista di domenica hanno infatti aderito la bellezza di 36 sindaci di tutta la provincia, e forse anche oltre, insieme ad almeno una sessantina di associazioni e comitati. Manifestanti di tutte le età, e di ogni pensiero politico: dai No Tav a Legambiente, dai civici ai comitati dei genitori, dalle mamme incinta ai consiglieri comunali, e forse pure qualche parlamentare. Per non parlare degli agricoltori.

Si dice che il ‘serpentone’ abbia raggiunto e superato i quattro chilometri di lunghezza. Un corteo davvero mai visto, nella Bassa, da fare invidia alle grandi manifestazioni ambientaliste della città. Tutti insieme per dire ancora una volta NO all’ennesimo impianto di raccolta della provincia bresciana, e che dovrebbe accumulare quasi un milione e mezzo di metri cubi di materiale inerte.

Da interrare sotto terra, in mezzo alla campagna a tratti ancora immacolata. Senza dimenticare il rischio paventato più volta anche dal locale comitato antidiscarica, che il materiale interrato possa intaccare davvero la falda acquifera, con tutte le conseguenze del caso. Di certo dopo la manifestazione di domenica qualcosa è cambiato.

Lo scrive anche Legambiente: “Tutti gli attori coinvolti nella procedura di autorizzazione – Regione e Provincia in primis – non potranno più ignorare la fiumana debordante che ha invaso le strade della Macogna. Un risultato di enorme partecipazione, che dà nuovo vigore e forza d’azione al raggiungimento dell’obiettivo finale”. Domenica ripetuto più e più volte: “No alla discarica della Macogna!”. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Coronavirus

Provincia di Brescia: morti e contagi di sabato 16 gennaio 2021

Coronavirus

Barista decide di non chiudere più: già 20 multe per lui e i suoi clienti

Coronavirus

Festa abusiva tra le mura di casa: 4.400 euro di multa per 11 ragazzi

Coronavirus

Coronavirus: a Brescia 186 casi e 17 morti, i nuovi contagi Comune per Comune

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BresciaToday è in caricamento