menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Ospedali Riuniti di Bergamo

Ospedali Riuniti di Bergamo

Il figlio nacque con spina bifida, il giudice: "Risarcite la madre"

Gli Ospedali Riuniti di Bergamo dovranno pagare una maxi risarcimento di 400.000 euro alla madre del bimbo nato malformato: "Accertamenti sbagliati, grave pericolo per la salute psichica della donna"

Il giudice di Bergamo ha condannato gli Ospedali Riuniti della città lombarda a pagare circa 400mila euro a una madre il cui figlio era nato con la spina bifida a seguito di accertamenti sbagliati. Per il giudice vi fu "una mancata informazione", "nell'ottica dell'esercizio del diritto della gestante di interrompere la gravidanza".

Il giudice della Prima sezione civile del tribunale di Bergamo, Marino Marongiu, disponendo il risarcimento per la donna, parla di "inadeguata visualizzazione nella documentazione fotografica degli organi del feto come necessario per la doverosa completezza dell'esame e in particolare per poter escludere la diagnosi di meliomeningocele (la spina bifida, ndr.)".

Il magistrato respinge le tesi sostenute dagli Ospedali Riuniti e dagli eredi del medico che svolse gli accertamenti (morto durante la causa) secondo i quali la donna "quandanche informata non avrebbe verosimilmente optato per l'interruzione di gravidanza sia perché la nascita del figlio era attesa e desiderata da tempo", sia perché la donna, al consulente tecnico del giudice aveva dichiarato di "non sapere che cosa avrebbe fatto ove fosse venuta a conoscenza della deformazione fetale".

- OSPEDALE PRIVATI: RISARCIMENTI DANNO, IL 66% SONO AL NORD

La seconda circostanza, per il giudice, in particolare, è "condizionata dall'evento nascita e dal rapporto affettivo instauratosi con il piccolo", ma il diritto di scelta va considerato "ex ante e non ex post", "né può richiedersi, come deduce la difesa" dell'ospedale "che per accedere all'opzione abortiva avrebbero dovuto sussistere tutte le ipotesi previste" dalla Legge 194, "essendo invece sufficiente l'ipotesi" del "grave pericolo per la salute psichica della donna che costituisce la condizione richiesta dalla legge per l'interruzione di gravidanza".

Da qui la decisione di risarcire la madre, assistita dall'avvocato Giuseppe Badolato di Milano, legale anche Tribunale per la tutela della Salute con circa 400mila euro.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Coronavirus

Barista decide di non chiudere più: già 20 multe per lui e i suoi clienti

Coronavirus

Festa abusiva tra le mura di casa: 4.400 euro di multa per 11 ragazzi

Coronavirus

Coronavirus: a Brescia 186 casi e 17 morti, i nuovi contagi Comune per Comune

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BresciaToday è in caricamento