menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Mafioso latitante dal 2005, beccato mentre va a fare visita alla mamma

Z.L., 55 anni di Treviolo, era sfuggito nel 2005 a un blitz contro la 'ndrangheta del Ros di Brescia. E' stato arrestato dai carabinieri di Villa d'Almé, a Paladina, mentre andava a fare a fisita alla madre

A tradirlo è stata una visita alla mamma: è stato proprio durante l'incontro che l'uomo, latitante dal 2005, sfuggito a un blitz contro la 'ndrangheta e nascosto per anni in Paraguay, è finito in manette. Z.L., 55 anni di Treviolo è stato arrestato dai carabinieri di Villa d'Almé a Paladina, in provincia di Bergamo, dove risiede sua madre.

Su di lui pendeva un'ordinanza cautelare emessa nel 2005 per estorsione ed esercizio abusivo di agenzia di lavoro, ma anche un ordine di esecuzione per la carcerazione emesso nel 2011 per una pena residua, a seguito di indulto, di due mesi e 20 giorni di reclusione per associazione di tipo mafioso.


L'uomo era sfuggito ad un'operazione del Ros di Brescia del 2005, denominata Ruja, che vide coinvolte una cinquantina di persone. L'associazione, che operava in Val Calepio, secondo le indagini gravitava attorno alla 'ndrangheta calabrese.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Coronavirus

Coronavirus: il Comune bresciano che ha contagi da zona rossa

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BresciaToday è in caricamento