Cronaca

Attivista Anti-Erdogan scarcerato con obbligo dimora

Lo ha deciso la Corte di appello di Brescia, che ha parzialmente accolto le richieste della difesa. Le autorità turche lo ritengono un terrorista e ne chiedono l'estradizione

Bahar Kimyongur

E' stato scarcerato l'attivista belga di origini turche Bahar Kimyongur, arrestato il 21 novembre a Orio Al Serio su mandato internazionale diffuso dalla Turchia attraverso Interpol, con l'accusa di terrorismo.

A seguito dell'udienza tenutasi lunedì scorso in merito all'istanza di scarcerazione - fa sapere il suo legale Federico Romoli in una nota - la Corte di appello di Brescia ha parzialmente accolto le richieste della difesa, ordinando la scarcerazione con l'obbligo di trattenersi in una località in Toscana.

"Sulla base della documentazione prodotta dalla difesa - spiega il legale - i giudici hanno correttamente rilevato che le accuse mosse dalla Turchia a Kimyongur sono già state giudicate inconsistenti dall'autorità giudiziaria olandese, la quale nel 2006 aveva respinto la medesima richiesta di estradizione. È stato inoltre sostanzialmente negato che esista un pericolo di fuga di Kimyongur, in ragione dell'evidente interesse di quest'ultimo a vedere riaffermata, per l'ennesima volta, la propria estraneità a qualsiasi formazione di stampo terroristico".

Di particolare rilievo per il rilascio, è apparso anche l'espresso riconoscimento da parte della Corte dell'attività svolta dal Kimyongur a sostegno dei diritti umani e della pace. Conclude l'avvocato: "Se e quando le autorità turche invieranno, nei tempi prescritti, i necessari atti a supporto della richiesta di estradizione, da cui non potrà che risultare confermato quanto sostenuto e documentato dalla difesa, quest'ultima avanzerà immediatamente richiesta affinché venga revocato anche il vincolo di dimora".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Attivista Anti-Erdogan scarcerato con obbligo dimora

BresciaToday è in caricamento