rotate-mobile
Cronaca Bedizzole / Via Monte Baldo

Ragazzo pestato in mezzo alla strada: residenti svegliati dalle urla

Pestaggio avvolto nel mistero: indagano i carabinieri

La lite e le urla, poi le botte e la fuga - pare - a bordo di un'auto. Movente e contorni del pestaggio, avvenuto nella notte tra mercoledì e giovedì in una zona residenziale a Bedizzole, sono ancora tutti da chiarire: la vittima avrebbe infatti fornito poche informazioni utili ai carabinieri.

A dare l'allarme, evitando conseguenze peggiori, sono stati i residenti di via Monte Baldo: svegliati di soprassalto dalle grida provenienti dalla strada, non hanno esitato a chiedere l'intervento dei soccorritori e delle forze dell'ordine. La chiamata è scattata verso mezzanotte e trenta: in pochi minuti è arrivata un'ambulanza del Cosp di Bedizzole. I volontari hanno prestato le prime cure al giovane uomo ferito. Per lui nulla di grave: avrebbe riportato lesioni lievi, medicate al pronto soccorso dell'ospedale di Desenzano e giudicate guaribili in pochi giorni. 

Sul posto è intervenuta anche una pattuglia dei carabinieri di Desenzano: i militari hanno identificato la vittima - un 32enne residente in paese - e cercato di raccogliere la sua testimonianza. Il giovane avrebbe riferito molto poco: si sarebbe limitato a raccontare di essere stato picchiato mentre passeggiava per strada da due uomini sconosciuti. I due sarebbero poi fuggiti a bordo di un'auto: a dirlo agli uomini dell'Arma sono state alcune persone che vivono nella via teatro del pestaggio.

Indagini in corso: i carabinieri stanno visionando le telecamere della zona, per rintracciare l'auto sulla quale i due aggressori sarebbero scappati e capire cosa sia realmente accaduto. Potrebbe essersi trattato di un regolamento di conti per la droga ma nemmeno la pista passionale è esclusa da chi indaga. Tutte ipotesi, per ora, dato che il 32enne non ha voluto raccontare nei dettagli quanto gli era accaduto.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ragazzo pestato in mezzo alla strada: residenti svegliati dalle urla

BresciaToday è in caricamento