Cronaca

Per non pagare le multe si spaccia per il suo miglior amico: denunciato

Una sfilza di multe da pagare, ma a commettere le infrazioni è stato il suo miglior amico.

L'auto sulla quale viaggiava era sotto sequestro amministrativo, senza revisione e senza assicurazione: per non pagare le salatissime multe ha pensato bene di fornire i dati non di una persona a caso, ma del suo migliore amico. La storia arriva da Bedizzole, ed è raccontata dal quotidiano Bresciaoggi.  

A scoprire la sostituzione di identità è stata la Polizia locale. Tutto è partito dal controllo sul veicolo di un 67enne del posto. L'auto sulla quale è stato fermato è risultata essere del tutto irregolare, per di più la stessa risultava essere di proprietà di una 60enne. Convocata, la donna ha fornito i documenti del passaggio di proprietà, tra i quali la fotocopia della carta d'identità dell'acquirente. 

Controllando il documento, gli agenti si accorgono trattarsi dell'uomo fermato, ma nome e cognome non coincidono, così decidono di convocare la persona con quelle generalità. Al Comando si presenta perciò un 65enne di Manerba, accompagnato dal 67enne, suo migliore amico. Gli agenti scoprono così l'avvenuta sostituzione di identità, e denunciano il fantasioso responsabile.   

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Per non pagare le multe si spaccia per il suo miglior amico: denunciato

BresciaToday è in caricamento