menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Foto di repertorio

Foto di repertorio

Litiga con la compagna, poi punta una siringa infetta contro i carabinieri

L'episodio domenica sera a Bedizzole, protagonista un 60enne sieropositivo. Al termine di un violento diverbio con la convivente, ha puntato una siringa contro i militari

L'ennesima violenta lite con la compagna, le minacce, la fuga e il tentativo di aggredire i carabinieri con una siringa infetta. Una sequenza da incubo, quella andata in scena domenica sera a Bedizzole: protagonista un 60enne sieropositivo, che è poi finito in manette con l'accusa di atti persecutori, minacce e tentate lesioni personali gravissime. 

Tutto è cominciato all'interno dell'appartamento dove abita la coppia: tra i due sarebbe nata una discussione animata, poi degenerata. Stando a quanto riferisce il Bresciaoggi, lui avrebbe pesantemente minacciato la compagna, che, terrorizzata, è fuggita di corsa in strada per poi chiedere aiuto al 112.

Sul posto si è precipitata una pattuglia del Radiomobile di Desenzano: dopo aver ascoltato il racconto della donna, i militari hanno provato a bloccare il convivente. L'uomo, in preda a un raptus di follia, avrebbe rivolto pesanti minacce anche a loro: "Sono sieropositivo, andate via o vi pungo con la siringa", avrebbe detto.

I carabinieri hanno mantenuto la calma, riuscendo a disarmare e a bloccare il 60enne: per lui sono immediatamente scattate le manette. Il provvedimento è poi stato convalidato dal giudice, che, per tutelare la donna, ha emesso un decreto di allontanamento nei confronti del 60enne: non potrà più fare rientro a casa, né avvicinarsi all'ormai ex compagna. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Il falso mito dell'acqua e limone da bere (calda) la mattina

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BresciaToday è in caricamento