Esplosione in appartamento: gravissimi mamma, figlio e nonno

Sono tre turisti bresciani i feriti più gravi dell'esplosione di una bombola di gas Gpl in un appartamento vacanze di Battipaglia, in provincia di Salerno. Ricoverati in ospedale in gravissime condizioni

Mamma, figlio e nonno. Sono questi i tre feriti gravissimi che hanno pagato le conseguenze peggiori dell'esplosione della bombola a Gpl che nella notte di domenica – erano circa le 2.30 – ha letteralmente devastato l'appartamento di un condominio di Battipaglia, località Lido Lago provincia di Salerno.

Sono tre turisti bresciani: la madre ha 36 anni, il figlio 17 e il nonno 61. Tutti e tre ricoverati in gravissime condizioni, e con ustioni profonde in tutto il corpo, all'ospedale Cardarelli di Napoli, reparto Grandi Ustionati.

Sulla dinamica dell'incidente indagano i Carabinieri: pare sia stata una fuoriuscita di gas a provocare la scoppio. A seguito dell'esplosione sono state evacuate circa 80 persone: i 30 occupanti il condominio, altri 50 ospiti di un vicino albergo.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La nuova star della dieta? Un nutrizionista bresciano: "Ecco il mio metodo"

  • Tutte le regioni zona gialla a dicembre, ma si va verso il divieto di spostamento

  • Tragedia in paese: giovane uomo si chiude in garage e si toglie la vita

  • Massimo Boldi: il negazionista Covid testimonial del nuovo spot di Regione Lombardia

  • Maestra positiva al Covid: "Dolori allucinanti, anche alla testa. Ho temuto d'essere morta"

  • Zona rossa: il ristorante rimane aperto a pranzo, ed è tutto a norma di legge

Torna su
BresciaToday è in caricamento