Lavoratori sfruttati e in nero, evasione da 700mila euro: nei guai noto imprenditore

Denunciato noto imprenditore della Bassa per utilizzo di 55 lavoratori in nero e sfruttamento di manodopera

Nei giorni scorsi, l’Ispettorato del Lavoro di Brescia è stato impegnato in una serie di controlli nella Bassa, finalizzati al contrasto del lavoro nero, dello sfruttamento di manodopera e dell’evasione contributiva e assicurativa.

L’attività è stata svolta dai carabinieri del nucleo ispettivo, con l'aiuto dei funzionari dell’Inps e dell’Inail e coordinata dalla Marzia Aliatis, sostituta Procuratrice della Procura della Repubblica. L'indagine ha accertato che - negli anni dal 2015 al 2019 - un noto imprenditore di Manerbio avrebbe svolto operazioni illecite nel campo della ristorazione e nell'attività di pasticceria.

Sono 55 i lavoratori risultati occupati ‘in nero’ e 110 i quelli sottoposti a condizioni di sfruttamento, con retribuzioni orarie variabili da 2,50 a 5 euro – a fronte degli 8/9 euro previsti dai contratti collettivi – e turni di lavoro di 10/12 ore senza riposi settimanali; inoltre, non sono state rispettate le norme in materia di sicurezza e gli operai venivano controllati a distanza con un sistema di videosorveglianza non autorizzato.

L’imprenditore è stato denunciato per i reati penali commessi. Gli sono state inoltre contestate violazioni amministrative per quasi 230.000 euro, nonché omissioni previdenziali e assicurative per circa 500.000 euro.

Su richiesta della pm titolare dell’indagine, il gip del Tribunale di Brescia ha disposto il sequestro preventivo per la confisca del patrimonio aziendale e la nomina di un amministratore giudiziario, per garantire la continuità dell’impresa e il mantenimento dei posti di lavoro.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Il dramma di Matteo, papà di due bambini: ucciso dalla malattia a 38 anni

  • Lago d'Iseo: le storie e i segreti dell'Isola di Loreto in onda su Italia Uno

  • Giovane mamma uccisa dal cancro: lascia nel dolore marito e due figli

  • Ubriaco, cerca di fermare le auto in transito: ragazzo travolto e ucciso

  • Positivo al Covid e dimesso: "L'ospedale mi ha detto di tornare a casa in autobus"

  • Tragico incidente: Valeria Artini, promessa del volley, muore a 16 anni

Torna su
BresciaToday è in caricamento