Pietra Ligure: Barbara esce dal coma ma resta gravissima

La 33enne era stata ferita alla testa dal colpo di arma da fuoco esploso dall'appuntato dei Carabinieri Alessio De Palma, che poi ha puntato l'arma contro se stesso, suicidandosi

Barbara Zanini (foto di repertorio)

Un sospiro di sollievo. Anzi, mezzo sospiro: Barbara Zanini - la 33enne di origini bresciane ferita alla testa dal colpo di pistola esploso dall'appuntato dei Carabinieri Alessio De Palma, che poi si è suicidato - sarebbe uscita dal coma farmacologico, riportano La Stampa e il Secolo XIX.

Nonostante Barbara sia sveglia - ancora sottoposta a respirazione assistita - la giovane non sarebbe ancora in grado di parlare, e le sue condizioni resterebbero gravi. 

La commessa di Clusane, ancora ricoverata in Rianimazione al Santa Corona e assistita dall'equipe del dott. Giorgio Barabino, sembra stia pian piano iniziando a rispondere alle terapie. 

Sulla vicenda è stata aperta un’inchiesta da parte della Procura della Repubblica coordinata dal pm Maria Paola Marrali.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La nuova star della dieta? Un nutrizionista bresciano: "Ecco il mio metodo"

  • Tutte le regioni zona gialla a dicembre, ma si va verso il divieto di spostamento

  • Tragedia in paese: giovane uomo si chiude in garage e si toglie la vita

  • Massimo Boldi: il negazionista Covid testimonial del nuovo spot di Regione Lombardia

  • Maestra positiva al Covid: "Dolori allucinanti, anche alla testa. Ho temuto d'essere morta"

  • Zona rossa: il ristorante rimane aperto a pranzo, ed è tutto a norma di legge

Torna su
BresciaToday è in caricamento