Cronaca Bussago

Dentro il cassonetto il pianto di un bambino, poi la felice scoperta

Chiamata spaventata a carabinieri e 118, per il pianto di un bimbo proveniente da un cassonetto a Bedizzole. Ma si trattava di una bambola

Lunedì mattina, a Carabinieri e 118 è arrivata un'allarmata segnalazione per il pianto di un bambino proveniente da un cassonetto situato in via Bussago a Bedizzole.

Subito medici e militari sono intervenuti per verificare cosa si celasse in fondo ai sacchi di spazzatura presenti all'interno del cassone. Più che comprensibile l'apprensione di quegli istanti, poi la felice scoperta: si trattava solamente di una bambola di plastica. La pressione della spazzatura aveva azionato un bottone che continuava a far emettere un suono dal giocattolo, simile - appunto - al lamento di un bambino.

Non è la prima volta, spiegano gli agenti, che si verificano casi del genere. Meglio, dunque, togliere le batterie da quei corpicini di plastica prima di sbarazzarsene, perché - oltre al procurato allarme e alla perdita di tempo - le pile sono altamente inquinanti per i metalli pesanti che contengono.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Dentro il cassonetto il pianto di un bambino, poi la felice scoperta

BresciaToday è in caricamento