A casa di amici violenta una bimba di 3 anni: sulle sue mani le tracce del reato

L'esame del Dna delle tracce biologiche sulle mani del sospettato ha confermato le sue colpe: condannato a 2 anni e 8 mesi di carcere per violenza sessuale aggravata

Foto di repertorio

E' stato condannato a 2 anni e 8 mesi di reclusione, con rito abbreviato, il nigeriano di 23 anni che la scorsa primavera aveva molestato e abusato sessualmente di una bambina di appena 3 anni. Il giovane era stato individuato e arrestato a poche ore dall'accaduto: si era nascosto a casa della sorella, ovviamente ignara dell'accaduto. Oltre alle manette, erano stati prelevati dei campioni biologici recuperati sotto le unghie dell'accusato. Grazie a quei campioni, in cui è stato riscontrato il Dna della piccola, è stato possibile incastrarlo e condannarlo.

Il 23enne ora si trova in carcere a Pavia, dove rimarrà fin quando non avrà scontato la sua pena. Al termine verrà espulso dal territorio italiano. I fatti risalgono all'aprile scorso: il ragazzo era a cena a casa di una famiglia, amici di suo cugino. La serata era trascorsa tranquilla, finché la giovane mamma, nel mettere a letto la sua bimba, non si era accorta dello strano comportamento della piccola, e di una perdita di sangue dalle parti intime.

In ospedale le tracce della violenza

Disperati, mamma e papà avevano subito portato in ospedale la bambina: i medici del Civile avevano confermato i segni della violenza. Il 23enne, conosciuto ma di fatto un estraneo, era stato subito accusato di quanto accaduto: pare infatti fosse rimasto a lungo da solo con la bambina. Dopo quello che aveva fatto, si era rifugiato a casa della sorella, a Castegnato.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

E' proprio qui, solo poche ore più tardi, che arriveranno i carabinieri per arrestarlo. Le accuse sono pesantissime: violenza sessuale aggravata su minori. I rilievi dei medici e l'analisi delle tracce biologiche confermano le sue responsabilità. Viene subito trasferito in carcere, prima a Brescia e poi a Pavia. E adesso la meritata condanna.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Allarme temporali nel Bresciano: rischio concreto di supercelle

  • Porta una sedia in giardino, gli cade sopra: carotide recisa, muore a 44 anni

  • Bonus auto, via alle prenotazioni: come ottenere l'ecobonus fino a 10mila euro

  • Tempesta nella notte: frane e fiumi straripati, paese in ginocchio

  • Lago di Garda, prurito quando si esce dall'acqua: è la "dermatite del bagnate"

  • Lombardia, primo morto Covid dopo 5 giorni: un 81enne di Lumezzane

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
BresciaToday è in caricamento