Sexy-ricatto a Balotelli, chiesti 100.000 euro: "Non ho fatto niente di male"

Sono entrambi indagati per tentata estorsione i protagonisti del sexy-ricatto a Mario Balotelli: un avvocato trevigiano e una ragazza originaria della provincia di Vicenza

Mario Balotelli (foto Instagram)

Si erano conosciuti a Nizza, in Costa Azzurra, quando Mario Balotelli ancora indossava la maglia rossonera della squadra francese. Lui e la ragazza, all'epoca ancora minorenne, erano finiti a letto: ma lei avrebbe mentito al calciatore, addirittura mostrandogli una carta d'identità che non era la sua. E dopo poche settimane gli avrebbe chiesto 100mila euro in cambio del silenzio, minacciandolo di una denuncia per violenza sessuale.

"Non ho fatto niente di male"

E' questo il quadro, in estrema sintesi, della vicenda che riguarda Balotelli resa nota in questi giorni dal Giornale di Vicenza. “Non ho fatto niente di male e non sono disposto a pagare – ha detto proprio Balotelli nelle ore in cui la vicenda è ormai di dominio pubblico – Ho fatto la denuncia perché se ti ricattano e paghi vuol dire che hai la coscienza sporca”.

Non è così per Supermario, che infatti non ha mai versato un euro. Anzi, ha denunciato sia la giovane – che oggi ha 19 anni, ma all'epoca dei fatti tra i 16 e i 17 – che il suo avvocato, un 64enne di Asolo, provincia di Treviso. Sono entrambi indagati per tentata estorsione: non si esclude che vengano entrambi rinviati a giudizio.

L'incontro con "Balo" nell'estate di 3 anni fa

La ragazza, al momento, risulterebbe irreperibile. Forse è di nuovo in Costa Azzurra, insieme ad un'amica. Ha abitato a lungo nella zona di Bassano del Grappa insieme alla madre, dopo aver perso il padre ancora giovanissima. Come detto avrebbe conosciuto Balotelli nell'estate del 2017. Sarebbe stato poi il suo legale a “guidarla” nel tentativo di estorsione.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Pare che l'avvocato abbia provato a vendere la storia "scottante" anche a noti rotocalchi italiani, ma senza successo. Dopo la denuncia di Balotelli, la Procura ha continuato a indagare. Saranno decisive, nell'ambito dell'inchiesta, anche le intercettazioni telefoniche: grazie a queste sarebbe stato possibile ricostruire la vicenda nei minimi dettagli.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: primo bambino positivo in una scuola bresciana, classe in isolamento

  • Masturbava ragazzini al parco, in cambio gli comprava scarpe e spinelli

  • Incidente in A4 tra Desenzano e Brescia: chilometri di code

  • Precipita per oltre 8 metri: muore sotto gli occhi dei nipotini di 6 e 8 anni

  • Apre nuovo supermercato: maxi-store da 3.800 mq aperto tutti i giorni

  • Tragedia sui cieli della Lombardia: aereo precipita e prende fuoco, due morti

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
BresciaToday è in caricamento