rotate-mobile
Giovedì, 2 Dicembre 2021
Cronaca Nave

"Prima l'ha tramortita, poi l'ha sgozzata": gli inquirenti cercano un oggetto pesante

A dirlo il referto dell'esame autoptico. Inquirenti al lavoro per cercare, oltre all'arma del delitto, l'oggetto che sarebbe stato usato da Pasini per stordirla

Un'evidenza che indurrebbe gli investigatori a ritenere che la giovane sia prima stata stordita con un colpo sferrato da un oggetto pesante e poi sgozzata. Il suo corpo senza vita è poi stato trasportato nelle campagne di Azzanello, comune del Cremonese, e nascosto all'interno di una cascina disabitata.

L'arma del delitto, la lama con cui è stata recisa la carotide di Manuela, però non si trova. Il sindacalista, nel corso di un interrogatorio, ha raccontato di avere due coltelli in macchina, ma durante la perquisizione i carabinieri ne hanno trovato soltanto uno, che non sarebbe compatibile con le ferite alla gola della vittima.

Nessuna traccia anche dell'oggetto che il 48enne avrebbe usato per stordire l'amante e del cellulare della giovane donna. Proprio sulla ricerca di questi elementi, fondamentali per ricostruire la dinamica dell'omicidio, si stanno ora concentrando le ricerche degli investigatori. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Prima l'ha tramortita, poi l'ha sgozzata": gli inquirenti cercano un oggetto pesante

BresciaToday è in caricamento