Cronaca

"Mio marito e mio figlio sono in pericolo": i soccorritori si mobilitano, ma è un falso allarme

L'operazione ha tenuto occupati per ore gli uomini del soccorso alpino, i Vigili del Fuoco e i sanitari del 118 giunti a bordo dell'eliambulanza: una volta raggiunti padre e figlio hanno rifiutato di essere soccorsi perché non erano in difficoltà.

immagine d'archivio

Tanto rumore per nulla. Tempo, energie e risorse completamente sprecate a causa di un attacco di ingiustificato panico di una turista austriaca. Eccessivamente preoccupata per le condizioni del marito, esperto torrentista e guida alpina, e del figlio di soli 7 anni che nel primo pomeriggio di ieri avevano deciso  di affrontare il torrente Caffaro - partenza da Bagolino, arrivo a Ponte Caffaro - ha lanciato un inquietante allarme. 

Non avendo più notizie la donna ha allertato il 112 intorno alle 15 di sabato, spiegando che suo marito e il piccolo di soli 7 anni risultavano dispersi e avrebbero quindi avuto un incidente. Sul posto si sono quindi precipitati gli uomini del soccorso alpino, i Vigili del Fuoco e da Trento si è alzata in volo l'eliambulanza. 

Dopo circa due ore i soccorritori hanno raggiunto padre e figlio che hanno rifiutato qualsiasi aiuto. "Stiamo bene e ce la caviamo da soli" avrebbe detto ai soccorritori l'esperto alpinista austriaco,  peccato però che si fosse dimenticato di spiegare alla moglie che l'impresa avrebbe preso parecchio tempo.  

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Mio marito e mio figlio sono in pericolo": i soccorritori si mobilitano, ma è un falso allarme

BresciaToday è in caricamento