menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Bagnolo Mella altra terra proibita ai profughi: "non li vogliamo, nemmeno per i lavoretti"

Anche il sindaco di Bagnolo Mella, Cristina Almici, ha tappezzato i muri del proprio paese con cartelloni che invitano albergatori e privati a non accogliere i richiedenti asilo

Cristina Almici, Sindaco di Bagnolo Mella, adotta la linea del primo cittadino di Ghedi Lorenzo Borzi. Anche l'esponente di Forza Italia i profughi non li vuole ospitare e ha pubblicato sul sito del Comune e nelle bacheche del paese alcuni cartelloni in cui chiarisce il suo pensiero.

«Qualora privati o società decidessero di sfruttare l’opportunità di incassare il contributo offerto dalla Prefettura, pari a € 35 al giorno per persona ospitata, a fronte di un guadagno di pochi avremmo un aggravio di natura sociale ed economica su tutta la nostra Comunità. L’amministrazione cittadina conta sulla collaborazione di cittadini e società private affinché non vengano accolti profughi in alcun immobile privato e si possa evitare l’assegnazione dei richiedenti asilo sul territorio bagnolese”.

Il sindaco è contrario anche alla linea dettata da Del Bono: impiegare i profughi in lavori socialmente utili in cambio dell’ospitalità perché, si legge nel documento dall’eloquente titolo “l’amministrazione comunale di Bagnolo Mella è contraria all’accoglienza de richiedenti asilo”,  si tratta di soluzione richiesta da molti cittadini in difficoltà, che hanno la priorità.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BresciaToday è in caricamento