rotate-mobile
Cronaca Bagnolo Mella

Rifiuti nascosti sotto il nuovo centro commerciale: cantiere sotto sequestro

Il blitz dei carabinieri e dei tecnici dell'Arpa nella mattinata di giovedì

Lavori fermi e l'intera area, di ben 10 mila metri quadrati, sotto sequestro. Succede a Bagnolo Mella: nel mirino della Procura di Brescia è finito il cantiere per la costruzione di un nuovo centro commerciale e residenziale. La ragione? Gli inquirenti sospettano che nell'ettaro di terreno, dove fervono i lavori per la realizzazione del complesso, siano stati effettuati degli scavi - non autorizzati - per poi "seppellire" rifiuti.

Alcuni scarti sarebbero visibili, perché emergono dal terreno, altri invece sarebbero stati nascosti in profondità. Proprio per questa ragione, nella mattina di giovedì, è scattato il blitz dei carabinieri del Noe e dei tecnici dell'Arpa: oltre a mettere i sigilli al cantiere, sono cominciate le operazioni di analisi e campionamento da parte del personale dell'agenzia regionale per la protezione dell'ambiente.

Non solo: sono stati sequestrati i documenti relativi alla progettazione e alla realizzazione delle opere che si trovano negli uffici comunali. Tre le persone attualmente indagate: il direttore dei lavori, il titolare del permesso di costruire e il responsabile dell’impresa incaricata per la realizzazione dell’opera. Anche nei loro confronti sono scattate le perquisizioni.

Le accuse mosse dalla Procura sono: gestione di rifiuti non autorizzata e realizzazione di discariche abusive "in quanto - si legge nella nota diffusa dall'Arma dei carabinieri - nell’area cantieristica avrebbero effettuato escavazioni di sabbia e ghiaia non autorizzate provvedendo poi ai successivi riempimenti con rifiuti di cui non si conosce né la natura, né la provenienza". 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Rifiuti nascosti sotto il nuovo centro commerciale: cantiere sotto sequestro

BresciaToday è in caricamento