Giovedì, 24 Giugno 2021
Cronaca

Ragazzino bresciano preso a cinghiate all'uscita della disco: 4 coetanei nei guai

I carabinieri hanno individuato i 4 giovanissimi che massacrarono di botte, usando addirittura la fibbia di una cintura, un 17enne di Poncarale. La brutale aggressione, sfociata in rapina, si verificò lo scorso agosto fuori da un locale di Bagnolo Mella. Per due di loro sono scattati gli arresti domiciliari

I carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile di Verloanuova hanno chiuso il cerchio intorno ai giovanissimi protagonisti di una brutale aggressione ai danni di un 17enne di Poncarale. Il gruppetto, formato da quattro stranieri di casa a Bagnolo Mella, aveva massacrato di botte il ragazzino per poi sottrargli il cellulare.

I fatti risalgono alla notte tra il 19 e il 20 agosto. Stando a quanto ricostruito, il giovane stava rientrando a piedi, in compagnia di alcuni amici, da una discoteca della località Tesa di Bagnolo Mella, quando è stato assalito dal gruppo di stranieri. I quattro lo avrebbero preso a calci e pugni. Non solo: lo avrebbero colpito pure con la fibbia di una cinghia, procurandogli lesioni giudicate guaribili in 20 giorni.  

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ragazzino bresciano preso a cinghiate all'uscita della disco: 4 coetanei nei guai

BresciaToday è in caricamento