rotate-mobile
Cronaca Bagnolo Mella

Palude abusiva di escrementi, animali sommersi fino alla pancia

Una scena incredibile agli occhi dei Carabinieri Forestali: sequestrato un terreno agricolo di oltre 8500 metri quadrati che era stato trasformato in una palude abusiva di escrementi e liquami

Le conseguenze dirette: il cosiddetto “ruscellamento” di liquami nelle vicinanza e la percolazione di tali sostanze nel sottosuolo. Entrambi i titolari (bresciani) delle aziende agricole sono stati denunciati per il reato di gestione di discarica non autorizzata: rischiano l'arresto da 6 mesi a due anni e una multa fino a 26mila euro, oltre alla confisca del terreno (che dovranno pure bonificare a loro spese).

Poi, i tre cavalli: in una delle due aziende gli equini erano detenuti all'interno di una recinzione, già questo in violazione degli standard minimi di benessere animale. Oltre a questo, erano costretti a vivere nei loro stessi escrementi, di cui erano ricoperti fino alla pancia.

Gli animali sono stati trasferiti in luogo idoneo, e il proprietario denunciato per il reato di detenzione di animali in condizioni incompatibili con la loro natura: adesso rischia l'arresto, e fino a un anno di carcere. Nota curiosa (e fastidiosa): uno degli agricoltori era stato finanziato dall'Unione Europea per la realizzazione di un pioppeto. Ma ne ha fatto una distesa di escrementi.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Palude abusiva di escrementi, animali sommersi fino alla pancia

BresciaToday è in caricamento