menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Nuovo autovelox sulla 45bis, il Codacons: "Nuova pioggia di sanzioni?"

L'associazione dei consumatori pronta a fare esposto in caso di irregolarità nell'istallazione del nuovo dispositivo

"Via Fulvio Testi a Milano, la Tangenziale Sud a Brescia, l'autovelox bidirezionale di Marone. Tre realtà lombarde, un destino comune per gli automobilisti: una pioggia di multe. Il rischio è che si ricada in una situazione simile anche con l'attivazione prossima dell'autovelox sulla statale 45bis a Nuvolera." Scrive il Codacons in una nota .

L'associazione inoltre ricorda le disposizioni di legge in materia di controllo elettronico della velocità?

1. il Comune non deve fare cassa utilizzando le sanzioni amministrative ma deve prevenire rischi legati alla strada;

2. vi sono doveri di segnaletica orizzontale e verticale che devono essere rispettati;

3. chi ha subito più contravvenzioni in un breve periodo di tempo, potrà pagare solo la prima sanzione a seguito della continuatività del comportamento (sentenza giudice di pace di parma del 2015);

4. È necessaria un'autorizzazione prefettizia fondata su una valutazione di rischio stradale redatta dalla polizia nel quinquennio precedente all'installazione del velox;

5. Per ciascun tipo di strada sono previsti precisi limiti di velocità;

6. È necessaria adeguata pubblicità della determina dirigenziale che ha approvato l'installazione dell'autovelox;

7. L'autovelox deve essere posto su un sostegno adeguato che non risenta delle condizioni meteo e ad un'altezza idonea ad effettuare i rilevamenti per cui è tarato;

8. L'autovelox deve essere tarato e omologato. Non basta fornire le certificazioni, è necessario fornire le prove tecniche effettuate.

Se la pubblica amministrazione non è in grado di provare la conformità a ciascuna disposizIone di legge, la sanzione sarà invalida. Infine l'avvertimento: "qualora dovessero ravvisarsi gravi irregolarità nell'installazione/taratura degli apparecchi, l'associazione depositerà esposto alla procura della repubblica di Brescia"
 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Il falso mito dell'acqua e limone da bere (calda) la mattina

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BresciaToday è in caricamento