Nudi in cella per 24 ore: arrestati due tassisti bresciani

Decine di arresti in Germania: tassisti italiani, tra cui due bresciani. Sarebbero stati arrestati e trattenuti in cella, completamente nudi, per quasi 24 ore. La furia delle associazioni di categoria

Decine di arresti, operati dalla polizia tedesca. In manette i tassisti dotati di licenza di Noleggio con Conducente, rei di aver trasportato in Germania un imprecisato numero di immigrati, clandestini e profughi. Facendosi pagare profumatamente.

Tra gli arrestati anche due tassisti bresciani, con doppia licenza: per Brescia, appunto, ma anche per Milano. Forse la punta dell’iceberg di un braccio di ferro che anticipa il cambio in corsa del Mare Nostrum, ora prossimo ad un trasferimento di livello europeo con Frontex Plus.

Sono da confermare poi le voci che vorrebbero i due bresciani arrestati, fermati in Austria, costretti a passare almeno 24 ore in cella, completamente nudi. In difesa della categoria ovviamente le cooperative di settore, secondo cui non è obbligatorio, per chi guida un’auto ‘marchiata’ NCC, sapere chi sia o chi sono i clienti poi accompagnati a destinazione. “Nessuna legge ci impone di chiedere loro l’identità”.

Il primo arresto sarebbe arrivato dalla provincia di Vicenza: in manette il 45enne Alessio Tavecchio, che nella sua auto stava trasportato una decina di profughi siriani.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La nuova star della dieta? Un nutrizionista bresciano: "Ecco il mio metodo"

  • Tutte le regioni zona gialla a dicembre, ma si va verso il divieto di spostamento

  • Tragedia in paese: giovane uomo si chiude in garage e si toglie la vita

  • Massimo Boldi: il negazionista Covid testimonial del nuovo spot di Regione Lombardia

  • Maestra positiva al Covid: "Dolori allucinanti, anche alla testa. Ho temuto d'essere morta"

  • Zona rossa: il ristorante rimane aperto a pranzo, ed è tutto a norma di legge

Torna su
BresciaToday è in caricamento