Operai come schiavi: pagati 2 euro per lavorare più di 12 ore al giorno

Lavoravano fino a 12 ore al giorno, senza pausa: operai come schiavi in un laboratorio di Asola. Arrestati i proprietari: marito e moglie, entrambi cinesi

Questa volta i lavoratori avevano un contratto, oltre che un permesso di soggiorno in regola: ma era solo un'apparenza, un depistaggio in caso di controlli sommari, che invece sono stati ben approfonditi. Tanto da smascherare l'ennesimo caso di sfruttamento e caporalato nella pianura lombarda: due gli imprenditori in manette, marito e moglie entrambi di nazionalità cinese, e denunciato anche il cognato, cui sono state riconosciute alcune responsabilità della gestione della fabbrica.

Operai al lavoro, pagati 2 euro l'ora

Si tratta di un laboratorio tessile in territorio di Asola, nell'Alto Mantovano, in cui ci lavoravano otto operai, come detto regolari in Italia e con una sorta di contratto capestro: nella realtà infatti lavoravano fino a 12 ore al giorno, pagati poco più di 2 euro l'ora. Insomma, turni massacranti per una paga da miseria.

Nel laboratorio si producevano calze: a seguito del blitz dei carabinieri, con la collaborazione delle stazioni di Asola, Gazoldo degli Ippoliti, Guidizzolo e Marmirolo e del Nil, Nucleo ispettorato del lavoro, sono stati sequestrati macchinari e materiale per oltre 100mila euro. In manette un uomo di 46 anni e la moglie di 40: solo denunciato invece il cognato, anche lui 46enne. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

L'ennesimo caso nella pianura lombarda

Sono tutti e tre accusati di caporalato, dunque intermediazione illecita e sfruttamento del lavoro. I due arrestati sono stati processati per direttissima. E' l'ennesimo caso di sfruttamento che emerge nei territori del tessile lombardo, dove spesso si chiude un occhio pur di continuare a produrre. Ne sono stati sequestrati diversi, negli ultimi mesi: merito della task force, coordinata dalla Prefettura, che vede i carabinieri impegnati in prima linea da tempo, in collaborazione con la Polizia locale e gli enti competenti.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Niente norme anti-Covid, cuoco e pizzaiolo senza protezioni: chiuso ristorante

  • Si accascia sul divano e muore davanti al marito e ai figli: aveva solo 46 anni

  • Follia al bar: padre e figlio scatenano una rissa, devastano il locale e aggrediscono la barista

  • Sputi, insulti, sassi contro auto e ciclisti: ora il paese ha paura della baby gang

  • Si tuffa e non riemerge, salvato dalla fidanzata: la sua vita è appesa a un filo

  • Coronavirus, allarme focolaio nel Mantovano: 97 positivi in un'azienda agricola

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
BresciaToday è in caricamento