Cronaca Viale Duca degli Abruzzi

Brescia, arriva la rivoluzione della «guardia medica 2.0»

Per i dirigenti dell'ASL bresciano un altro passo da gigante: un sistema informatizzato che permetterà ai medici di continuità di controllare in tempo reale condizioni e sintomi, fino alla storia medica dell'assistito

Un manuale interattivo a portata di mano, per i medici di continuità assistenziale, la comune guardia medica, con cui confrontare il passato dell’assistito, i sintomi comuni, gli interventi e le soluzioni. Per l’ASL di Brescia un altro “passo gigante”, nuovo tassello di quel progetto già avviato lo scorso febbraio, e già sostenuto dalla Regione Lombardia con un contributo di quasi 250mila euro.

Passaggio obbligato, a seguito delle tante pressioni europee, verso un’informatizzazione completa del servizio: 209 medici coinvolti lungo tutto il territorio ASL, in più di una trentina di postazioni, che da oggi potranno consultare in tempo reale, e in qualunque luogo, i vari elementi utili alla cartella clinica, eventuali piani di trattamento compresi.

Quasi una guardia medica 2.0, raccontano dall’ASL bresciana, che potrebbe rivoluzionare il sistema assistenziale a cui tutti noi siamo abituati. Tra le novità inserite, il registro dei contatti e delle telefonate del paziente, oltre alla sua storia clinica.

Tra le sperimentazioni già in  programma anche quattro nuovi ambulatori, da Brescia a Desenzano; e un raggio d’azione che forse si allargherà per davvero. Perché, il passato recente, la “mutua” italiana non sempre ha brillato.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Brescia, arriva la rivoluzione della «guardia medica 2.0»

BresciaToday è in caricamento