Dietro alla parete mobile una stanza segreta e una serra per la marijuana: arrestati

Nei guai due italiani: un un idraulico di 50 anni e un disoccupato di 42. Entrambi sono stati arrestati dai carabinieri di Artogne nella giornata di giovedì

Una serra di marijuana (immagine repertorio)

Centoventi piantine di cannabis e dodici chili di marijuana. È quanto hanno sequestrato giovedì i carabinieri di Artogne. Nei guai due cittadini italiani: un idraulico di 50 anni e un disoccupato di 42.

I due avevano ricavato una serra in un locale a cui si accedeva attraverso una parete mobile mascherata da uno specchio. Dietro alla parete, apribile mediante un congegno elettronico, era stata allestita una vera e propria serra per la coltivazione e l'essicazione della cannabis sativa.

Per loro sono scattate le manette. Il tribunale di Brescia ha convalidato l'arresto e ha disposto per entrambi gli arresti domiciliari. Nella medesima operazione è stata denunciata in stato di libertà, per concorso nel reato, un’impiegata di 50 anni.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ragazza grave in ospedale per un'infezione: un altro caso dopo Veronica?

  • Operai al cimitero: la bara scivola, si rompe e fuoriesce la salma

  • La testa schiacciata tra la gru e il tetto: così è morto Antonio, padre di tre figli

  • Troppa nebbia, esce di strada e finisce nel canale: muore annegato nella sua auto

  • Ragazza di 16 anni in ospedale: "E' lo stesso Meningococco di Veronica"

  • Tragedia avvolta nel mistero: cadavere trovato in autostrada, lungo la corsia di sorpasso

Torna su
BresciaToday è in caricamento