Cronaca

Botte, minacce e stupri sull’ex fidanzata: un orrore lungo un anno

In carcere un pregiudicato di origini rumene residente ad Artogne

PIAN CAMUNO. Le botte, le minacce, gli stupri. Un vero e proprio incubo vissuto da un 40enne romena per quasi un anno che è finito sabato notte, quando i Carabinieri di Artogne hanno messo le manette all’orco.

In carcere è finito un cittadino romeno di 42anni, residente ad Artogne,  già noto alle forze dell’origine per una serie di reati commessi in precedenza.

La storia d’amore tra i due era nata all’inizio del 2015: l’uomo si sarebbe dimostrato manesco fin dai primi tempi della relazione, ma a  dare il via all’escaltion di violenza è stata la decisione della donna di troncare il rapporto.Il 42enne ha così cominciato a perseguitare la ex, picchiandola e abusando sessualmente di lei in diverse occasioni.

Dopo alcuni mesi, la donna ha rotto il silenzio e si è sfogata con i Carabinieri della stazione di Artogne che hanno dato il via all’indagini. Lo scorso 5 marzo l’ultimo tentativo avvicinare la ex in maniera violenta ha fatto scattare l’arresto del 42enne, che ora si trova dietro le sbarre del carcere di Canton Mombello.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Botte, minacce e stupri sull’ex fidanzata: un orrore lungo un anno

BresciaToday è in caricamento