Martedì, 15 Giugno 2021
Cronaca

Attacco omofobo alla discoteca Art Club di Desenzano

"Meglio un giorno da etero che 100 anni da Conchita", "Unioni civili: progresso o regresso?": questi i due striscioni recapitati a due passi dalla discoteca Art Club di Desenzano del Garda

Ragazzi in discoteca (foto di repertorio)

Attacco omofobo alla discoteca Art Club di Desenzano del Garda: giovedì scorso sono “apparsi” due striscioni, a firma Niemals (gruppo giovanile ispirato a ideologie di destra), che se la prendono indirettamente con il noto locale citando sia la recente approvazione delle unioni civili che la più vetusta (ormai quasi due anni fa) performance della drag queen austriaca Conchita Wurst, vincitrice dell'Eurovision Song Contest.

“Meglio un giorno da etero che 100 anni da Conchita” il primo, “Unioni civili: progresso o regresso?” il secondo. Questi gli striscioni che sono stati “appesi” a poca distanza dall'ingresso dell'Art Club di Desenzano.

Solidarietà inevitabile, tra clienti fidati e fan su Facebook. Rimane comunque un blitz a effetto ridotto: l'Art Club continua per la sua strada, e mercoledì 1 giugno si prepara a festeggiare i primi 29 anni di carriera della sempreverde Madame Sisì.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Attacco omofobo alla discoteca Art Club di Desenzano

BresciaToday è in caricamento