Sabato, 25 Settembre 2021
Cronaca Desenzano del Garda

170 episodi di spaccio documentati: nei guai due ventenni

Gli agenti del Commissariato di Desenzano hanno contato addirittura 170 cessioni di stupefacenti (hashish e marijuana) a carico di due giovanissimi, abilissimi nel passare inosservati tra la gente.

Un rapporto di fiducia solidissimo tra venditori e clienti, soprattutto giovani studenti. Gli agenti del Commissariato di Desenzano, guidati dal vicequestore aggiunto Bruno Pagani, hanno portato a termine una lunga operazione di pedinamento arrestando due pusher attivi su tutto il territorio, in particolar modo in un parcheggio, nei pressi di una scuola e in un parco di Rivoltella. 

Nel corso delle settimane di appostamenti e intercettazioni ambientali, le cessioni di stupefacente documentate sono state 170. Oltre che per costruire una solida base di prove, gli appostamenti sono serviti per dare un nome a circa 30 consumatori abituali di droga, tra cui diversi minorenni, segnalati alla Prefettura. Alcuni di loro hanno collaborato nelle indagini, portate avanti anche grazie ai tabulati telefonici dei due spacciatori, i cui smartphone erano tenuti sotto controllo. 

Nei guai è finito uno studente 21enne che aveva come base operativa prediletta un parcheggio nei pressi della sua abitazione, ma che non disdegnava di vendere anche dentro e fuori la sua scuola, oppure nel parco del laghetto di Rivoltella. Assieme a lui è stato fermato un disoccupato di 23 anni residente e attivo a Calvisano (al parco Padre Pio) e anche Desenzano. I due avevano messo in piedi un vero e proprio sodalizio dello sballo: se rimanevano senza merce si sentivano e se le passavano senza difficoltà, come due soci in affari. Entrambi sono stati denunciati a piede libero.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

170 episodi di spaccio documentati: nei guai due ventenni

BresciaToday è in caricamento