Cronaca

Bergamo: uccise rivale mafioso, arrestato Salvatore Calabria

Detto 'o Paulotto', Calabria è un esponente di rilievo del clan De Sena

Era accusato di un omicidio compiuto 17 anni fa: i carabinieri del nucleo investigativo del gruppo Castello di Cisterna (Napoli) hanno arrestato, in esecuzione di un'ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal gip del Tribunale di Napoli il 15 luglio scorso, Salvatore Calabria, 42 anni di Acerra, già noto alle forze dell'ordine.

L'ordinanza del gip concorda con le risultanze investigative dei militari che hanno permesso di dimostrare - secondo quanto sostengono i carabinieri - che Calabria, detto 'o Paulotto', risulta essere un esponente di rilievo del clan De Sena operante ad Acerra.

Nei suoi confronti l'accusa è di essere l'autore dell' omicidio di Giovanni Sodano, reggente del contrapposto sodalizio camorristico Mariniello, avvenuto l'1 dicembre del 1996. Per lui anche le contestazioni di porto e detenzione illegale di armi, reati commessi con l'aggravante del metodo mafioso.

Il 42enne è stato catturato nel quartiere napoletano di San Giovanni a Teduccio alla guida di un'auto.


Si era reso irreperibile già dal 24 maggio quando i carabinieri del nucleo investigativo del provinciale di Bergamo, comune dove risiedeva, avevano arrestato altri esponenti del suo clan con l'accusa di estorsione aggravata e rapina aggravata. L'arrestato è stato condotto al carcere di Secondigliano.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Bergamo: uccise rivale mafioso, arrestato Salvatore Calabria

BresciaToday è in caricamento