Minacce di morte e stalking: arrestata Alice Grassi, ex Miss Padania

Alice Grassi, vincitrice del concorso di bellezza leghista nell'anno 2003, ormai da tempo pedinava e minacciava l'ex fidanzato di Chiari fino a che, ubriaca, lo ha aggredito. Arrestata, si trova nel carcere femminile di Verziano.

Non solo insulti e minacce ma anche danneggiamento di proprietà privata, violenza e resistenza a pubblico ufficiale. Sono diversi i capi d’accusa nei confronti di Alice Grassi, bionda 32enne originaria di Polaveno, eletta Miss Padania nel 2003 quando, 19enne, ricevette lo scettro direttamente dalle mani del senatur Umberto Bossi. A mettere le manette ai polsi della 32enne sono stati i carabinieri di Chiari, che l’hanno bloccata il giorno 5 febbraio in via Zeveto, in pieno centro storico, fuori dalla gioielleria di proprietà della famiglia dell'ex fidanzato.  

La ragazza, che dopo avere tentato la via dello show business pare fosse senza fissa dimora e stesse lavorando come pr in una discoteca, è stata lasciata dal suo fidanzato solo alcune settimane fa. Da quel momento sarebbero iniziati i guai per il clarense: Alice ha iniziato a importunarlo con numerose telefonate, a fare appostamenti sotto casa anche in piena notte e a minacciare lui e la famiglia. I carabinieri erano a conoscenza del problema ed erano già intervenuti alcune volte per placare la ragazza. L’epilogo però è stato venerdì 5 febbraio alle 11 quando l'ex Miss si è presentata alla gioielleria del giovane ed ha cercato di entrare. Dopo essere stata inizialmente bloccata tra le due porte automatiche del negozio, la ragazza ha dato in escandescenza, ha danneggiato l’esterno del negozio, distrutto le videocamere di sicurezza ed assalito il giovane con il cavatappi del coltellino multiuso che aveva in mano, ferendolo al collo. Poi è fuggita a bordo di uno scooter, rischiando di investire un povero passante. 

I carabinieri, immediatamente avvertiti, sono riusciti nel giro di pochi minuti a rintracciarla, bloccandola a fatica (la ragazza ha anche strattonato un agente) visto il suo stato di alterazione alcolica. Nella borsetta della giovane oltre all’arma impropria utilizzata per ferire l’ex fidanzato, c’era anche una dose di cocaina. Dopo una visita di controllo presso l’ospedale Civile, la ragazza su ordine del pubblico ministero Claudia Moregola, che ne ha disposto il provvedimento di custodia cautelare, è stata portata in carcere. Stando a quanto riportato dagli agenti, Alice avrebbe confessato di aver danneggiato il negozio, dicendo però che si sarebbe trattato solo di un raptus.  

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La nuova star della dieta? Un nutrizionista bresciano: "Ecco il mio metodo"

  • Tutte le regioni zona gialla a dicembre, ma si va verso il divieto di spostamento

  • Tragedia in paese: giovane uomo si chiude in garage e si toglie la vita

  • Maestra positiva al Covid: "Dolori allucinanti, anche alla testa. Ho temuto d'essere morta"

  • Lago d'Iseo: le storie e i segreti dell'Isola di Loreto in onda su Italia Uno

  • Zona rossa: il ristorante rimane aperto a pranzo, ed è tutto a norma di legge

Torna su
BresciaToday è in caricamento