Bloccato prima di un furto: in casa il bottino di diversi colpi

Fermato per un normale controllo da una volante della Polizia, un 38enne si è rivelato essere un ladro seriale: nella sua abitazione contanti e refurtiva, presto a disposizione delle vittime dei furti.

Sembrava una normale passeggiata per le strade della città, nel quartiere Fiumicello, in realtà era una vera e propria perlustrazione con l’obiettivo di individuare abitazioni nelle quali intrufolarsi. Ad avere insospettito gli agenti è stato l’atteggiamento sospetto dell’uomo, e soprattutto il fatto che indossasse i guanti ed uno scaldacollo nero alzato sul volto, nonostante le temperature di questi giorni non siano proprio rigide. 

A finire nei guai è stato un immigrato albanese di 38 anni. Gli agenti hanno cercato di avvicinarlo mentre camminava lungo via Contini. In un primo momento l’uomo ha cercato di fuggire, ma è stato presto bloccato. In una tasca del giubbotto i poliziotti hanno trovato un cacciavite, la conferma che il 38enne preparava un colpo. Nonostante il ladro abbia detto agli agenti di non essere residente in Italia, i poliziotti gli hanno trovato addosso una ricevuta di pagamento per l’affitto di casa, ed è scattata la perquisizione. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Nell’appartamento del ladro, condiviso con la moglie romena, sono stati trovati ben 3.400 euro in contanti, nascosti dietro uno stipite della porta d’ingresso, diversi gioielli (orologi e preziosi vari, tra cui una parure completa in oro), penne a sfera pregiate, computer portatili e tutto il materiale occorrente per lo scasso, occultato in un vano del sottotetto. La Questura di Brescia ha anticipato che tutte le fotografie della refurtiva verranno messe online per consentire ai legittimi proprietari di rientrarne in possesso.  

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus in provincia di Brescia: morti e contagi Comune per Comune | 1 aprile 2020

  • Arresto cardiaco, muore nella sua auto: era in malattia e aveva la febbre

  • Ingerisce una batteria e rimane soffocata: morta bimba di tre anni

  • Coronavirus in provincia di Brescia: morti e contagi Comune per Comune | 2 aprile 2020

  • Coronavirus: morto cassiere di 57 anni, supermercato chiuso per lutto

  • "Nella mia Brescia tragedia di proporzioni devastanti: i nonni non ci sono più"

Torna su
BresciaToday è in caricamento