Maddalena: uomo minaccia di prendere a calci una coppia gay

Il circolo Arcigay di Brescia Orlando denuncia l'aggressione verbale di una coppia gay a Ferragosto. I due giovani stavano abbracciati su una coperta in Maddalena, come son solite fare quel giorno molte coppie bresciane. Poi un uomo si è avvicinato, dicendo loro di andare nel bosco a fare "quelle cose"

Il circolo Arcigay di Brescia Orlando denuncia  l'aggressione verbale di una coppia gay a Ferragosto. I due giovani stavano abbracciati su una coperta in Maddalena, come son solite fare quel giorno molte coppie bresciane. Poi un uomo si è avvicinato, dicendo loro di andare nel bosco a fare "quelle cose", e non lì di fronte a famiglie e bambini.
"Quando uno dei due ragazzi ha cercato di far ragionare l’interlocutore sull’assurdità della richiesta - spiega il comunicato - l’uomo ha iniziato a urlare, dandogli del puttano e minacciando la coppia di cacciarla a calci. I due ragazzi, comprendendo che con quella persona era impossibile ragionare, se ne sono andati: il loro romantico pomeriggio di pace era ormai inesorabilmente rovinato. Potrebbe sembrare un atto non particolarmente grave, non essendovi stata alcuna violenza fisica, anche se le minacce di violenza ci sono state e forse sarebbe finita peggio se i due ragazzi a un certo punto non avessero desistito. Chi riuscisse a mettersi nei panni dei due poveri ragazzi, comprenderebbe che un aggressione verbale simile non fa meno male della violenza fisica".

"Quello che fa molto male – continua l’Arcigay – a loro e a tutti e tutte noi è l’arroganza di una persona, che erge il proprio pregiudizio a regola generale, che tratta un atto di tenerezza come una cosa volgare, da fare nei boschi, solo perché tra due uomini invece che tra un uomo e una donna. E soprattutto che vuole imporre agli altri il proprio modo di pensare, violando i diritti delle persone, primo fra tutti il diritto di uguaglianza scritto nella nostra Carta Costituzionale. Troppo spesso si usa la presenza dei bambini per giustificare una atto di discriminazione fino all aggressione. Invece negli occhi dei bambini non vi è alcun pregiudizio nè alcun disgusto, se non ve lo instilla la società degli adulti".

Conclude la nota: "Sappia quella persona e tutte le persone omofobe come lui che non torneremo a nascondere il nostro amore, perché l’amore desidera sempre esprimersi liberamente con gioia alla luce del sole. Dalla parte della libera espressione dell’amore sono la legge, la civiltà e, per fortuna, tantissime cittadine e tantissimi cittadini che non si sentono affatto rappresentati dal comportamento di quell uomo violento. Arcigay Orlando esprime la propria solidarietà e il proprio sostegno alle vittime dell’aggressione e la più netta riprovazione per quanto loro accaduto. ifenderemo e sosterremo l amore fino alla vittoria sulla violenza, fisica o verbale che sia".
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Lombardia zona rossa dal 17 gennaio, le regole: cosa si può fare e cosa no

  • Orrore in famiglia: guarda video porno e fa sesso con la sorellina di 14 anni

  • Cerca di stuprarla nei campi, lei lo morde alla lingua e riesce a scappare

  • Iveco parlerà cinese? Offerta miliardaria per lo storico marchio, Brescia trema

  • Auto travolge sette ciclisti sul Garda: è la squadra di Peter Sagan

  • Provincia di Brescia: morti e contagi di sabato 16 gennaio 2021

Torna su
BresciaToday è in caricamento