Giallo di Marcheno: i familiari del dipendente scomparso: «Torna a casa»

L'appello è stato lanciato dalla cugina di Giuseppe Ghirardini, 50enne scomparso nella giornata di mercoledì

Immagine repertorio

«Torna a casa Giuseppe, torna a casa». È l’appello lanciato dalla cugina di Giuseppe Ghirardini, operaio 50enne che lavora nella fonderia Bozzoli di Marcheno scomparso mercoledì.

Il giorno della scomparsa l’uomo doveva andare a caccia «ma il tempo era brutto, ha lasciato i cani a casa e ci ha salutato come sempre. Poi non lo abbiamo più visto», ha raccontato la cugina dell’uomo.

Sempre mercoledì i carabinieri avrebbero dovuto sentire nuovamente Ghirardini, per la prima volta come persona informata sui fatti. L’operaio, infatti, era uno dei tre lavoratori della fonderia bresciana presenti in fabbrica quando l’’imprenditore Mario Bozzoli ha fatto perdere le proprie tracce.

Le indagini proseguono a ritmo serrato. Nella notte di venerdì gli inquirenti hanno ritrovato l'automobile dell'operaio a cinque chilometri dal Passo del Tonale. La vettura, dopo gli accertamenti della scientifica sul posto, è stata portata al comando provinciale dei carabinieri di Brescia dove saranno ultimate le analisi.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragedia in paese: giovane uomo si chiude in garage e si toglie la vita

  • Maestra positiva al Covid: "Dolori allucinanti, anche alla testa. Ho temuto d'essere morta"

  • Lago d'Iseo: le storie e i segreti dell'Isola di Loreto in onda su Italia Uno

  • Giovane mamma uccisa dal cancro: lascia nel dolore marito e due figli

  • Ubriaco, cerca di fermare le auto in transito: ragazzo travolto e ucciso

  • Positivo al Covid e dimesso: "L'ospedale mi ha detto di tornare a casa in autobus"

Torna su
BresciaToday è in caricamento