Giovedì, 28 Ottobre 2021
Cronaca Brescia 2 / Via Rodi

Bambino annega in piscina: saranno processati anche i genitori

Al via il processo per la morte del piccolo

In cinque a processo per la morte di Ansh Sharma, il bambino di soli 6 anni (ne avrebbe compiuti 7 solo pochi giorni dopo) morto annegato nel luglio di un anno fa alle piscine Lamarmora di Via Rodi, in città. Secondo gli esiti dell'autopsia, il piccolo sarebbe rimasto sott'acqua per circa 2 minuti prima di essere soccorso: quando venne riportato a galla, era ormai troppo tardi.

Indagini per omicidio colposo

La Procura aveva aperto un'indagine per omicidio colposo: alla fine di novembre si terrà la prima udienza preliminare che vede coinvolti non solo i genitori del bambino, che in quel momento erano con lui in piscina e avrebbero dovuto controllarlo, ma anche tre bagnini (tra cui un minorenne all'epoca dei fatti: per questo sarà giudicato dal Tribunale dei minori).

Ai bagnini viene contestato non solo il mancato controllo, tra cui l'aver permesso al bimbo di accedere alla “vasca grande”, la più profonda, ma anche una più generale “negligenza”, tra cui il tardivo intervento. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Bambino annega in piscina: saranno processati anche i genitori

BresciaToday è in caricamento