menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Foto d'archivio

Foto d'archivio

Si tuffa dal pedalò e non riemerge, muore sotto gli occhi degli amici

Ennesimo dramma nelle acque del lago di Garda, dove - verso le 14.30 di sabato - un 22enne si è tuffato da un pedalò al davanti al Desenzanino, senza più riemergere; il suo corpo è stato recuperato solo 3 ore dopo dai Volontari del Garda, quando ormai non c'era più nulla da fare.

La vittima è il giovane di origini senegalesi Modou Ndama. Si trovava a Desenzano con quattro amici, con i quali era arrivato da Poggio Rusco (Mn) per trascorrere una giornata di sole sul lago. Dopo pranzo hanno deciso di noleggiare il pedalò: tutti e cinque avrebbero dovuto indossare il giubbotto salvagente, ma cosa sia successo poi al largo ancora non è chiaro. Gli amici di Ndama hanno dichiarato che lo indossava anche durante il tuffo, ma, evidentemente, non sarebbe servito a salvarlo, forse perchè non allacciato in modo corretto. L'improvviso malore, pare dovuto allo sbalzo termico, ha spezzato per sempre la sua giovane vita.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Coronavirus

Imprenditore bresciano stroncato dal Covid: lascia quattro figli

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BresciaToday è in caricamento