Il dolore per la morte di Ivan, sposato e padre di due figli

Ad Angolo Terme decine di messaggi di cordoglio alla famiglia di Ivan Bettinelli, morto martedì notte a Darfo in un incidente stradale: venerdì pomeriggio i funerali. Lascia la moglie Olga e i figli Sharon e Niccolò

Si terranno venerdì pomeriggio alle 15, nella chiesa parrocchiale di Angolo Terme, i funerali del 47enne Ivan Bettinelli, l’agente di commercio morto a seguito di un tragico incidente stradale, l’ennesimo, sulla Statale 42 in territorio di Darfo Boario Terme.

Nello schianto avvenuto alle 22 di martedì sono state coinvolte due vetture, due berline di grossa cilindrata: una Bmw e una Volvo, la seconda guidata da Ilario Pellegrinelli, 60enne residente in paese e che sarebbe morto sul colpo. Bettinelli invece è stato trovato ancora vivo, ed è poi spirato qualche ora più tardi all’ospedale di Esine.

Una strada che conosceva bene, la percorreva spesso. Faceva l’agente di commercio, specializzato in prodotti elettronici, ogni anno macinava decine di migliaia di chilometri. Abitava in Via Presolana, insieme alla moglie Olga originaria della Repubblica Ceca: proprio in questi giorni era rientrata nella sua città natale, a Praga, travolta dalla tragica notizia a centinaia di chilometri di distanza.

Ivan lascia anche due figli: Sharon, la più grande, animatrice nei villaggi turistici, e Niccolò, ancora minorenne e studente di scuola superiore.  Tutto il paese lo ricorda con affetto: il ricordo corre anche su Facebook, dove sono arrivati a decine i messaggi di cordoglio alla famiglia.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La nuova star della dieta? Un nutrizionista bresciano: "Ecco il mio metodo"

  • Tutte le regioni zona gialla a dicembre, ma si va verso il divieto di spostamento

  • Tragedia in paese: giovane uomo si chiude in garage e si toglie la vita

  • Massimo Boldi: il negazionista Covid testimonial del nuovo spot di Regione Lombardia

  • Barista fa sesso con un imprenditore, resta incinta e perde il bimbo: "Dammi 60mila euro"

  • Zona rossa: il ristorante rimane aperto a pranzo, ed è tutto a norma di legge

Torna su
BresciaToday è in caricamento