"Un soggetto aggressivo, anche dal punto di vista sessuale": chi è il killer di Francesca

Questa la ragione che ha spinto il giudice a convalidare l'arresto di Andrea Pavarini, il 32enne di Bedizzole che ha confessato di aver ucciso Francesca Fantoni.

Andrea Pavarini (Fonte: Facebook)

Mentre Bedizzole si prepara per l'ultimo saluto a Francesca Fantoni - la 38enne violentata e poi uccisa al parco pubblico del paese - sui social spunta la foto di Andrea Pavarini, il 32enne che ha confessato l'omicidio.

Non è un'immagine recente, ma  basta per poter associare un volto al nome dell'uomo di cui tanto si è parlato e scritto in questi giorni. Solitario e schivo, in molti lo evitavano, fin dai tempi della scuola. Questo il profilo del 32enne, padre di un bimbo di tre mesi, che era emerso nei giorni scorsi dai racconti di chi aveva avuto a che fare con lui.

Un uomo "ossessionato dalle donne" che "guardava con uno sguardo da maniaco",  così lo aveva descritto una vicina di casa. "Un soggetto aggressivo, anche dal punto di vista sessuale" ha invece scritto il giudice nell'ordinanza di convalida del fermo del 32enne, che resta in carcere perchè c'è il rischio che possa reiterare il reato.

E proprio un'aggressione sessuale sarebbe il movente che ha spinto Pavarini, che sbarcava il lunario con lavoretti saltuari da giardiniere, a uccidere a mani nude Francesca Fantoni. Stando ai primi risultati dell'esame autoptico, l' avrebbe picchiata e poi strangolata a mani nude, proprio al termine della violenza, per non farla scappare e impedirle di raccontare tutto. 

Un inquietante dettaglio che non era del tutto inatteso: gli inquirenti sospettavano fin dall'inizio che l'uomo, diventato papà da pochi mesi, potesse aver abusato della vittima, e ora cercano di fare luce anche su possibili precedenti.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Dagli sviluppi investigativi pare infatti che il 32enne avesse già pesantemente importunato altre donne in passato. Sotto la lente d'ingrandimento degli inquirenti ci sarebbe un episodio in particolare: sembra che l'uomo si fosse calato i pantaloni in pubblico, sotto gli occhi di una donna a cui aveva poi chiesto di consumare un rapporto con lui. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • "Oltre 2300 in terapia intensiva, governo pronto al nuovo lockdown in Italia"

  • Coronavirus, Crisanti: "Vi spiego perché il Natale può essere un'opportunità"

  • Nuovo Dpcm, barista bresciana si ribella: “Io non chiudo alle 18, arrestatemi”

  • Incubo coronavirus: 237 casi a Brescia, i nuovi contagi Comune per Comune

  • Covid: a Brescia oltre 300 nuovi casi e una vittima, i nuovi contagi Comune per Comune

  • Terribile incidente: precipita elicottero, morto dirigente d'azienda

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
BresciaToday è in caricamento