menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Foto d'archivio

Foto d'archivio

Sequestrata ambulanza senza assicurazione, ma a bordo c’è un malato

L’incredibile vicenda mercoledì mattina a Roè Volciano: un’ambulanza che stava trasportando un malato da Gavardo a Vestone è stata fermata perché priva di regolare assicurazione

Il braccio della legge non risparmia nessuno, come è giusto che sia: nemmeno un’ambulanza che stava trasportando un anziano dall’ospedale di Gavardo alla casa di riposo di Nozza di Vestone. Nessuna emergenza, sia chiaro: ma il veicolo guidato dai volontari aveva l’assicurazione scaduta da tempo, e gli agenti della Polizia Locale della Valsabbia - non senza aver prima scortato il mezzo alla struttura assistenziale dov’era diretto - l’hanno sequestrato fino alla messa in regola con il pagamento.

Tutto è successo mercoledì mattina, a Roè Volciano: l’ambulanza fuori norma è stata beccata in tempo reale dal rilevatore di targhe, in dotazione alla Locale, che permette di risalire in diretta alla proprietà del veicolo e verificare se appunto sia stata pagata l’assicurazione e se sia a posto con la revisione.

Incredibile ma vero, l’ambulanza non solo non era più assicurata, ma non lo era da parecchio tempo. Non è stato facile uscirne: impensabile infatti caricare il malato a bordo del carro attrezzi, né tantomeno far circolare liberamente un mezzo che non ne avrebbe diritto.

E’ stata così chiamata una seconda pattuglia: le auto della Polizia hanno così scortato l’ambulanza (una davanti e una dietro) con i lampeggianti delle sirene accesi fino alla casa di riposo di Nozza. Una volta accompagnato il paziente, il mezzo è stato sequestrato, e “liberato” solo all’avvenuto pagamento.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Quando ci si potrà spostare tra regioni: c'è una data per maggio 2021

Attualità

C'è chi spacca tutto, chi tenta il suicidio impiccandosi: "Qua dentro è una polveriera"

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BresciaToday è in caricamento