Cronaca Cisano

San Felice, disabili alla riscossa. All'Alter Bar solo aperitivi eccezionali

La storia felice dell'Alter Bar, esperimento gardesano che coinvolge ragazzi affetti da disabilità e prova ad inserirli nel mondo del lavoro. Alla Fondazione Cominelli l'impegno dell'associazione AMA: "Siamo tutti speciali"

Soli siamo Parole, insieme siamo Poesia. Poche lettere, messe in fila una dietro l’altra, ma che se lette e rilette guadagnano un significato straordinario. All’Alter Bar di San Felice del Benaco, alla Fondazione Cominelli si narra e si vive una storia che è straordinaria, già in partenza, ancor più in arrivo.

La storia di un gruppo di ragazzi che in molti si ostinano a chiamare “anormali”, e che invece sono più normali di tutti. Affetti da disabilità, chiaro, ma capaci di mettersi a far sul serio, anche quando c’è da prendere un’ordinazione, da ‘sbarazzare’ un tavolo, da 'impiattare' e da servire.

Un progetto semplice ma, appunto, sociale. Offrire un’opportunità lavorativa ad adolescenti e adulti con diversamente abili: “La possibilità di poter gestire – spiega Barbara Zerneri, presidente dell’associazione AMA Brescia – permette di creare uno spazio formativo e occupazionale per i ragazzi stessi. L’estate per i ragazzi con disabilità è spesso un periodo vuoto e privo di attività. La sperimentazione di semplici mansioni, adeguate alle abilità di ogni partecipante, permette invece ai ragazzi l’acquisizione di competenze e strumenti spendibili per la loro quotidianità”.

A essere in zona, tanto vale passare. Magari un cappuccino, magari un bianco con due patatine. Tanto il locale chiude il 2 settembre: giusto in tempo, per salutare l’estate.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

San Felice, disabili alla riscossa. All'Alter Bar solo aperitivi eccezionali

BresciaToday è in caricamento