Bimbo perde i capelli, il suo coach si rasa per solidarietà

Una bella storia che arriva dalla periferia della città, dove un ragazzino di 11 anni ha perso tutti i capelli e il suo allenatore si è rasato a sua volta in segno di solidarietà nei confronti del bambino.

BRESCIA - Insieme a tante vicende di sport che coinvolgono ragazzini e adulti talvolta troppo esagitati, dalla città arriva finalmente una vicenda che apre il cuore.

I protagonisti sono un bimbo di 11 anni appassionato di calcio che a causa di una forma di alopecia ha perso tutti i capelli e del suo allenatore, che per solidarietà si è rasato a sua volta i capelli per sostenerlo.

Il ragazzino, infatti, era preso di mira dagli avversari con battutacce.

Da lì la contromossa dell'allenatore: "Così quando gli gridano 'pelato' sono il primo di arrabbiarmi'.

La storia arriva da un campo da calcio alla periferia della città, dopo che l'undicenne, durante l'ultima partita di campionato, era stato vessato dall'insensibilità dei coetanei ed era scoppiato in lacrime al termine del match. 

Potrebbe interessarti

  • Sudorazione eccessiva? Ecco cos'è l'iperidrosi

  • Cosa possono bere (e cosa no) i bambini nell’età della crescita

  • Caffè, brioche e dolci sorprese: i bar di Brescia dove la colazione è un'arte

  • Lo spioncino digitale per la porta di casa

I più letti della settimana

  • Nadia è morta per un cancro al cervello: la spiegazione degli oncologi italiani

  • "Era drammatico: Nadia sapeva che sarebbe morta, ma non perdeva il sorriso"

  • Nadia Toffa, al funerale c'era l'ex fidanzato: quando parlò di figli e matrimonio

  • Nadia Toffa, è il giorno dell'addio: attese centinaia di persone da tutta Italia

  • Da un piccolo allevamento a un impero da 50 milioni: morta Elvira Crescenti

  • Ragazzo di 16 anni gravissimo dopo un tuffo: trauma spinale, rischia la paralisi

Torna su
BresciaToday è in caricamento