Cronaca

A Orio l’allarme per il virus Zika: “Attivate la disinfestazione”

Anche lo scalo internazionale di Orio al Serio sarà obbligato a mettere in atto tutte le misure di prevenzione contro il virus Zika, già allertate le compagnie aeree

L'aeroporto di Orio al Serio

Sebbene non vengano effettuati voli diretti con il Sudamerica e con i Caraibi, anche l’aeroporto internazionale di Bergamo è stato sottoposto a tutti gli standard di sicurezza contro la diffusione di Zika. Il Ministero della Salute e l’Enac, Ente nazionale per l’aviazione civile, hanno recepito l’allarme lanciato dall’Organizzazione mondiale della sanità, invitando le compagnie aeree a mettere in atto tutte le misure di prevenzione contro la diffusione del temibilissimo virus, la malattia infettiva tropicale veicolata dalle zanzare del genere Aedes, particolarmente pericolosa per le donne in gravidanza, soprattutto se l’infezione avviene nei primi tre mesi di gestazione.   

Nello scalo bergamasco verranno messe in atto tutte le procedure di “disinsettazione” di ogni velivolo che arriva, misure che in ogni caso non avranno conseguenze dirette per i passeggeri o per le tratte, che non subiranno per ora limitazioni. 

Il virus, trasmesso da numerose zanzare del genere Aedes, è strettamente correlato a quelli che provocano la dengue, la febbre gialla, l'encefalite del Nilo occidentale e l'encefalite giapponese. I guai peggiori si stanno verificando in Sudamerica, Brasile (sede dei prossimi giochi olimpici; nelle ultime ore il presidente del paese ha confermato che si svolgeranno regolarmente, seppur con eccezionali misure di sicurezza, garantite dall'esercito) e Colombia soprattutto, ma il virus è già arrivato anche in Europa: in Spagna è stato segnalato il 4 febbraio 2016 il primo caso di donna incinta contagiata dal virus, mentre nel nostro paese fino ad ora sono nove le persone contagiate. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

A Orio l’allarme per il virus Zika: “Attivate la disinfestazione”

BresciaToday è in caricamento