Botteghe addio, in un anno hanno chiuso in 600

L'allarme arriva dall'analisi dell'Osservatorio regionale sul Commercio e di Confesercenti Brescia: in un anno la nostra Provincia si è impoverita del 3,6% di esercizi commerciali, in gran parte a condizione familiare.

Foto di repertorio

Tempi duri – anzi, durissimi – per botteghe, drogherie e per i cosiddetti “esercizi di vicinato” in generale, piegati dalla crisi, dalla pressione fiscale e dalla sempre più massiccia diffusione di ipermercati e centri commerciali.

A dare conferma alla sensazione di chi si guarda attorno è il rapporto dell’Osservatorio sul commercio di Regione Lombardia e Confesercenti Brescia: rispetto al 2013, la situazione è in deciso peggioramento. 

Fra il 30 giugno 2013 e il 30 giugno 2014 a Brescia e Provincia sono scomparse 591 imprese commerciali, perlopiù di piccole dimensioni e a conduzione familiare. Ciò significa che nel Bresciano si è passati da 16.330 imprese attive a 15.739, con una perdita del 3,6%.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La nuova star della dieta? Un nutrizionista bresciano: "Ecco il mio metodo"

  • Tutte le regioni zona gialla a dicembre, ma si va verso il divieto di spostamento

  • Tragedia in paese: giovane uomo si chiude in garage e si toglie la vita

  • Maestra positiva al Covid: "Dolori allucinanti, anche alla testa. Ho temuto d'essere morta"

  • Zona rossa: il ristorante rimane aperto a pranzo, ed è tutto a norma di legge

  • Giovane mamma uccisa dal cancro: lascia nel dolore marito e due figli

Torna su
BresciaToday è in caricamento