Vergognose scritte razziste: "Portano l'ebola, bruciamoli"

Condanna bipartisan per gli slogan razzisti apparsi nella notte tra Calcinato e Montichiari, in cui si accusano i "neri" di essere portatori del virus ebola: "Bruciamoli"

Indignazione diffusa, in via istituzionale e non. Per quelle scritte ingiuriose, apparse nella notte tra sabato e domenica e sui cui ora indagano DIGOS e Carabinieri. Brevi slogan razzisti, tra Calcinato e Montichiari, sulla Provinciale 28, sul ponte del fiume, a Calcinatello.

"I neri portano l'ebola, bruciamoli". E poco più in là anche una svastica stilizzata. Il riassunto di un folle blitz razzista, su cui piovono condanne bipartisan. Dal sindaco Marika Legati alla Lega Nord, fino al parroco del paese.

La più ferma condanna arriva però dagli attivisti del collettivo di sinistra Linea Indipendente. Dalla pagina Facebook una critica ideologica, anche da parte di chi cavalca l'onda di una fobia (come l'ebola, appunto) sfruttando paura e ignoranza.

"È da tempo che noi denunciamo la presenza di scritte razziste in giro per il paese. Se chi per ignoranza, odio o calcolo politico fa campagne stucchevoli su argomenti del genere ci guadagna consensi a tutto spiano, può anche succedere che qualcuno finisca per farneticarne sui muri in forme di una gravità inqualificabile".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Il dramma di Matteo, papà di due bambini: ucciso dalla malattia a 38 anni

  • Lago d'Iseo: le storie e i segreti dell'Isola di Loreto in onda su Italia Uno

  • Giovane mamma uccisa dal cancro: lascia nel dolore marito e due figli

  • Ubriaco, cerca di fermare le auto in transito: ragazzo travolto e ucciso

  • Positivo al Covid e dimesso: "L'ospedale mi ha detto di tornare a casa in autobus"

  • Tragico incidente: Valeria Artini, promessa del volley, muore a 16 anni

Torna su
BresciaToday è in caricamento