rotate-mobile
Martedì, 7 Dicembre 2021
Cronaca Via Tito Baresani

Ragazzo bresciano rapito dai jihadisti: è ricercato per rapina e ricettazione

Sono passati ormai due anni dalla scomparsa del 32enne Alessandro Sandrini di Folzano: in Italia è ricercato per ricettazione e rapina

La sua storia ha commosso una provincia intera: scomparso per più di un anno, mentre era in vacanza in Turchia, per poi riapparire in un drammatico video, vestito come un prigioniero di guerra – con una tuta arancione – e circondato da uomini armati e agghindati come feroci integralisti islamici. Non è stato l'ultimo: successivamente sono arrivate telefonate, altre immagini e un altro video, in cui il poco più che 30enne Alessandro Sandrini, di Folzano, chiedeva disperatamente aiuto.

Ma oltre alle indagini legate al rapimento, al lavoro della Farnesina per ricostruire l'accaduto, ci sono anche delle indagini relative alla figura di Sandrini per quanto successo in patria. Il 32enne infatti è imputato in due processi, e con due differenti capi d'accusa, per cui ai fini della legge può essere considerato alla stregua di un latitante.

Sandrini in particolare è accusato di ricettazione: nel settembre di due anni fa, e quindi poco prima del suo viaggio in Turchia e della sua scomparsa, insieme alla fidanzata avrebbe provato a vendere della merce rubata (sul lago di Garda) a un negozio di proprietà cinese, che invece avrebbe denunciato quanto stava succedendo.

Non solo: su di lui pende anche un altro procedimento penale, relativo questa volta a una rapina. Un colpo che, secondo l'accusa, sarebbe stato portato a termine in un'altra attività commerciale bresciana.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ragazzo bresciano rapito dai jihadisti: è ricercato per rapina e ricettazione

BresciaToday è in caricamento