rotate-mobile
Cronaca Desenzano del Garda

Alessandro non si trova, persa ogni speranza: le lacrime di compagna e figlioletti

Persa ogni speranza: ancora nessuna traccia di Alessandro Redaelli, scomparso da domenica

Persa ogni speranza di ritrovare vivo il 41enne Alessandro Redaelli, originario di Lecco ma residente a Peschiera, scomparso da domenica a largo del porto di Rivoltella: "Non ci sono parole, davvero. Ti ricorderò sempre per la tua voglia di vivere, la tua carica contagiosa, il tuo sorriso e le tue risate. Anche se ora sei lassù continua a vegliare sulla tua splendida famiglia", è solo uno dei tanti messaggi di cordoglio arrivati in queste ore.

Le ricerche proseguono senza sosta ormai da giorni, ma di lui nessuna traccia. Domenica era uscito in barca insieme alla compagna Sabrina e ai figli di piccoli, una bimba di 5 anni e un bimbo di pochi mesi: su Facebook le ultime foto di una giornata spensierata, passata tra l'Isola del Garda a San Felice e l'Isola dei Conigli a Manerba. 

La tragedia

Poi, la tragedia: la compagna ha lanciato l'allarme intorno alle 15.40, dopo che Alessandro si era tuffato dalla barca e non era più riemerso. L'ipotesi è che sia stato colto da un malore, conseguenza del fenomeno dell'idrocuzione: ovvero uno shock termico dovuto allo sbalzo tra la temperatura dell'aria e quella dell'acqua. Per questo motivo avrebbe perso i sensi e sarebbe stato inghiottito dalle acque del lago.

Il campo base è ancora allestito a Rivoltella, ma c'è tanto sconforto. Uomini e mezzi di Guardia Costiera e Vigili del Fuoco, con il supporto dei Volontari del Garda, l'hanno cercato in lungo e in largo senza successo. Passati cinque giorni dalla scomparsa, non c'è davvero più niente da fare. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Alessandro non si trova, persa ogni speranza: le lacrime di compagna e figlioletti

BresciaToday è in caricamento