Morte di Alejandro, parla l'avvocato della madre: "Il ragazzo lavorava lì"

La famiglia: "Si è trattato di un tragico incidente sul lavoro"

Emergono nuovi particolari sulla morte del 18enne Alejandro Lorenzato, dopo le accuse per omicidio colposo e false testimonianze a un operaio dello Storic Lidorama di Lonato del Garda, dove il giovane era stato trovato a terra agonizzante.

La dinamica della tragedia è stata a lungo avvolta nel mistero, si era anche parlato di una presenza casuale del giovane all'interno del capannone.

A parlare, adesso, è Alessandra Sganzerla, l'avvocato della mamma di Alejandro: "Il ragazzo non aveva alcuna intenzione di prendere a prestito una moto d'acqua, né di farsi un giro al lago. Si trovava sul proprio posto di lavoro e stava svolgendo le proprie mansioni, essendo dipendete della struttura".

Continua ancora il legale: "Alejandro non ha armeggiato nessun acquascooter, ma - secondo quanto ricostruito dagli inquirenti sinora - sarebbe stato colpito accidentalmente da un mezzo acquatico che, in quel momento, era movimentato da un collega di lavoro all'interno del capannone".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Notte da incubo dopo la pizza? Ecco perché ci viene così tanta sete

  • Incidente stradale a Dello: morto Alex Tanzini di 38 anni

  • In bicicletta sull'autostrada A4: muore sul colpo travolto da un'auto

  • Malore improvviso in casa, muore giovane mamma: "Non voglio crederci"

  • Il tragico destino di Sara, stroncata dalla malattia a soli 27 anni

  • Brutalmente ammazzata dal marito, niente sepoltura: "Lui non lo permette"

Torna su
BresciaToday è in caricamento